VETRINA DI DANZA CONTEMPORANEA|INTERNATIONAL OPEN SHOW-Domenica 29 Settembre ore 18.00

VETRINA DI DANZA CONTEMPORANEA|INTERNATIONAL OPEN SHOW-Domenica 29 Settembre ore 18.00
29
/ Set
Domenica
2019

VETRINA DI DANZA CONTEMPORANEA|INTERNATIONAL OPEN SHOW-Domenica 29 Settembre ore 18.00

Location
Padova
Venue
Ridotto|Teatro G. Verdi via Dei Livello, 32

RIDOTTO|TEATRO G. VERDI
VETRINA DI DANZA CONTEMPORANEA|INTERNATIONAL OPEN SHOW

***

oxymoron 2

TONI FLEGO

presenta
OXYMORON
COREOGRAFIA: Toni Flego
REGIA:  Toni Flego
MUSICHE: AAVV
SCENOGRAFIE : Toni Flego
COSTUMI : Toni Flego
DANZATORI: Toni Flego

Oxymoron
C’è qui un posto per me?
Andando incontro a me stesso, scappando da me stesso, persistentemente e sempre da capo sono in continua ricerca. Trovo e rinuncio, destinato a cercare. E’ possibile che io diventi me stesso? Che diventi qualcun altro? E’ quello che desidero?
Solo, solo con me stesso, solo con gli altri; in risata e nel pianto, nel gioco e nella danza.
Rimani da solo sulla strada…
Scartare la bugia, scartare la paura, scartare ogni ansia e accettare sé stesso, accettare il mondo con tutta la sua crudeltà.
Cantare nonostante tutto, ballare nonostante tutto, apparire e scomparire nonostante il confine.
Esplodere dalla gioia e dall’ispirazione per dispetto a ogni ansia.
L’Universo sta diventando mio. Lo sto conquistando con impavidosità. Lo abbraccio con passione, lo domino con coraggio.
Creo, esisto, sogno….
Con impazienza, il mio posto mi sta aspettando.

***

1. Two brown to be polish

 

MAGDALENA AGATA WOJCIK

presenta
2BROWN TO BE POLISH
COREOGRAFIA: Ewelina Sobieraj e Magdalena Agata Wojcik
REGIA:  Ewelina Sobieraj
MUSICHE: Mariusz Nowskowiak
DANZATORI: Magdalena Wojcik

“Sei troppo scura per essere polacca, dove sono i capelli biondi e gli occhi azzurri ?”
“Dlaczego gestykulujesz tak dużo kiedy mówisz?” *
“Where do you feel better in Poland or in Italy?” *
Questo lavoro è una riflessione sulla appartenenza culturale personale e collettiva: cosa vuol dire identificarsi in una nazione specifica o in più di una? Cosa comporta spostarsi in un altro paese lasciando la famiglia e amici, scontrandosi con gli stereotipi? Quanto conta nell’esperienza di un individuo avere l’opportunità di conoscere culture diverse?
È davvero cosi importante da dove vieni e dove vai?

* ”Perché muovi le mani cosi tanto quando parli?”

* ”Dove ti trovi meglio in Polonia o in Italia?”

***

IMG_6033

SIRO GUGLIELMI

presenta
P!NK ELEPHANT
COREOGRAFIA: Siro Guglielmi
MUSICHE: Alessio Zini e Cristiano de Palo, Skeeter Davis
COSTUMI : Siro Guglielmi
DANZATORI: Siro Guglielmi

A torso nudo, con indosso pantaloncini attillati, il danzatore cerca un movimento spontaneo e giocoso, eppure elegante e controllato : passi slegati e disarticolati si accompagnano a posture ironiche e caricaturali in una coreografia che confonde la narrazione, che disorienta lo spettatore con incalzanti cambiamenti di registro.
P!nk elephant è la danza compiuta attorno all’oggetto amato ; è la ricerca di espressione di un corpo in continuo desiderio di trasformazione. E’ una riflessione sul ruolo delle aspettative sociali nei confronti del corpo e sugli immaginari che caratterizzano i generi e la sessualità. Una danza mai ferma, incessante, ma leggera e piena di grazia, espressione di un cammino necessario, di una traccia da seguire.

***

 

MARY'S BATH

 

NATISCALZI DT 

presentano
MARY’S BATH

COREOGRAFIA: Claudia Rossi Valli e Tommaso Monza
ASSISTENTE: Marco Bissoli
MUSICHE: AAVV
VOCE REGISTRATA: Fabio Pagano
COSTUMI : Natiscalzi DT
DANZATORI: Tommaso Monza, Claudia Rossi Valli

Immergersi, sposarsi; Credere, toccare. Pregare, accettare. Nascere
Mary’s Bath è una performance sospesa, un’installazione d’acqua e riflessi, una danza intima che si svela.
Mary ci invita a guardarla da vicino, a sostare con lei in un sogno preraffaellita,
a sbirciare dallo spioncino della porta del bagno,
a condividere con lei la paura e la verità del divenire.
Mary’s Bath è una confessione fisica che lascia emergere gesti dal silenzio.
Un Angelo che si abbandona, per la prima volta, a una confidenza, ad un segreto.
Purezza diventa sensualità, il sensuale tramuta in divino, finché ciò che è stato narrato
si confonde e lascia spazio all’essere: di carne e meraviglia.
Mary’s Bath ha come tema di sviluppo l’Annunciazione. Non c’è giudizio, ma due personaggi che si svelano e definiscono poco a poco, tra slanci lirici e dialoghi di corpi ironici:  Mary (gioiosa? fragile? consenziente?), e l’Angelo (orgoglioso? solo? innamorato?).

 

BIGLIETTO UNICO €. 5.00 VENDITA C/O RIDOTTO 2 ORE PRIMA INIZIO SPETTACOLO

SI RINGRAZIANO :
#comunepadova
#mibact
#regioneveneto
#provinciapadova
#unipd
#progettogiovanipadova
#teatrostabileveneto
#teatroaicolli
#teatroquirinodegiorgio
#alvigorantino
#antenoreenergia
#villapetrobelli
#saetpadova
#3mtecnofer
#tvsettetriveneta
#amicidellospedale
#zudance
#accpadova