SERATA DANCEHAUSpiù – Sabato 26 Settembre ore 20.45

26
/ Set
Sabato
2020

SERATA DANCEHAUSpiù – Sabato 26 Settembre ore 20.45

Location
Padova
Venue
Teatro G. Verdi, Via dei Livello 32
Time
08:45 pm - 11:00 pm

SERATA DANCEHAUSpiù

CENTRO NAZIONALE DI PRODUZIONE DELLA DANZA

COREOGRAFIE: Susanna Beltrami, Matteo Bittante, Erika Silgoner/ESKLAN
 MUSICHE: AA.VV.
LIGHT DESIGNER: Matteo Bittante

DANZATORI: DANCEHAUS COMPANY, ESKLAN, DANZATORI  C.P.P. #padovadanza2020

La serata sarà composta da 5 creazioni coreografiche firmate Susanna Beltrami, Matteo Bittante ed Erika Silgoner

Duo da ”BLACK TRIAL”  di Susanna Beltrami

Uno spettacolo che prende spunto dai versi scritti da Thomas Stearns Eliot per la quinta parte del suo celebre poema “La terra desolata”: “Chi è il terzo che sempre ti cammina accanto? / Se conto, siamo soltanto tu ed io insieme / Che scivola ravvolto in un ammanto bruno, incappucciato / Io non so se sia un uomo o una donna – Ma chi è che ti sta sull’altro fianco?”. BODY THINGS, il corpo come soggetto/oggetto che assume di volta in volta intenti e significati nuovi, disparati e talvolta opposti. Dalla forma alla sua trasfigurazione, dall’attenzione alle pulsioni carnali e sessuali alla trascendenza metafisica, dalla narrazione epica a quella del quotidiano fino alla perdita di identità e via continuando con gli innumeri temi a cui il corpo è chiamato continuamente ad esser simbolo.

 

Estratto da “GOLEM”  di Erika Silgoner/ESKLAN
La parola “Golem” appare all’interno delle Sacre Scritture e significa “forma leggera”, mate-riale “crudo”. È l’essere umano non finito di fronte agli occhi di Dio, è Adamo. Nell’ebraico moderno prende invece il significato di “muto” o “indifeso”. Esiste una leggenda ebraica che narra di un gigante plasmato in creta, privo di verbo ed anima, ma incredibilmente forte e resistente, creato al fine di servire e proteggere il suo creatore ed il popolo di Israele.

La coreografa Erika Silgoner affascinata da questa figura antropomorfa, rivisita il mito del “Golem” per indagare i limiti esistenziali dell’uomo contemporaneo e le complesse leggi che regolano la vita.

  

“FEELING CHAGALL”  di Matteo Bittante con i danzatori del C.P.P. #padovadanza2020
Matteo Bittante tra ispirazione dalla vita del celebre artista Marc Chagall per la sua nuova creazione. Un Viaggio che dal nero riscopre le emozioni del colore: l’infanzia trascorsa tra religione e guerra in un villaggio della Russia abitato da ebrei, ci cinduce all’interno dei suoi sogni popolati da personaggi fiabeschi di un mondo poetico.

 

OVER UNDER di Matteo Bittante/DANCEHAUS COMPANY JUNIOR
Con questa produzione il coreografo torna a riflettere sui temi a lui cari della natura e della creazione, umana e artistica, e della grande scommessa di vivere, oggi, creativamente. Over Under è un gioco di metamorfosi, un “girotondo” arcano capace di suggerire paesaggi visivi, mai statici, ma in continuo divenire sono i paesaggi dell’anima disegnati dai corpi dei performer nella relazione con gli oggetti. Solo accettando le regole del gioco saremo in grado di vedere in una palla fatta di stracci una foglia secca ondeggiante nello spazio, diventare poi montagna altissima come a squarciare il cielo e farsi infine stella luminosa e fissa.

 

24,42 di Matteo Bittante
Cifre che crescono e decrescono al quadrato e radice quadra, che si incontrano a metà per un attimo di vita brevissimo. Sono il figlio e il padre, gli amanti, i gemelli siamesi uniti per il fianco, il viaggiatore e il mentore. Il primo numero in ascesa, dirompente, curioso, coraggioso, affamato di vita. Il secondo in discesa, consapevole, generoso, sazio. Due età dell’uomo incastrate in una croce chiastica che ruote vorticosamente sul perno del continuo cambiamento. Come un Cristo contuso tra le braccia di una Addolorata piangente dalle nocche abrase, 24 cade, muore e infine risorge sotto lo sguardo indagatore della torcia di 42, che lo trova in un cratere nudo come un verme e gravido di rabbia. I due uomini intraprendono insieme un viaggio fugace, breve quanto il momento irripetibile di eclissi totale tra un oggetto celeste in fase crescente e uno in fase calante. Il percorso porterà 24 al primo compimento della maturità, il perdono, e 42 all’accettazione di una nuova età al margine della giovinezza esaurita. Giovinezza che cessa di essere un trofeo da rincorrere e invidiare trasformandosi in rinnovata energia da tramandare, per noi morire mai.

 

INFO BIGLIETTI:

INTERO:

PLATEA/PEPIANO balconata     20€
PEPIANO no balconata                18€
I e II ORDINE  balconata             16€
I e II ORDINE no balconata         14€
GALLERIA                                        12 €
RIDOTTO: (Studenti universitari, Iscritti scuole di danza, Over 65, Under 12, Abbonati alla stagione di Prosa)
PLATEA/PEPIANO                        15€
PEPIANO no balconata                 13€
I e II ORDINE                                  13€
I e II ORDINE no balconata         11€
GALLERIA                                        9€

Studenti universitari Ateneo di Padova
PLATEA / PEPIANO                       12€   
I e II ORDINE                                   10€   
GALLERIA                                        7€

VENDITA BIGLIETTI

-BOTTEGHINO TEATRO VERDI – ONLINE SUL SITO DEL TEATRO (solo gli interi)
-PRESSO LA SEDE DI PADOVA DANZA, Via A. Grassi 33 LUN-VEN dalle 9 alle 14.
-PRENOTAZIONI VIA MAIL ALL’INDIRIZZO
lasferadanzacomunica@gmail.com