SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA: GALA’ ACCADEMIA TEATRO LA SCALA – 11 Novembre 2014

SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA: GALA’ ACCADEMIA TEATRO LA SCALA – 11 Novembre 2014
11
/ Nov
2014

SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA: GALA’ ACCADEMIA TEATRO LA SCALA – 11 Novembre 2014

Location
Padova
Venue
GRAN TEATRO GEOX, C.so Australia 55
Time
09:00 pm

SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

presenta

GALA’ ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

SERENADE di G. Balanchine
GYMNOPEDIE di R. Petit
WHO CARES? di G. Balanchine

Estratti di Grandi Balletti classici e coreografie di autori contemporanei, 40 ballerini sul palco! 

Una serata all’insegna della perfezione tecnica e del grande virtuosismo.

La serata si apre con Serenade, uno dei balletti più noti di George Balanchine, ancora su musiche di Čajkovskij, ripreso per la Scuola di Ballo scaligera da Patricia Neary (solista del New York City Ballet cresciuta sotto la guida del grande maestro, di cui ha raccolto l’eredità riproponendone in tutto il mondo gli allestimenti). Il balletto venne ideato da Balanchine nel 1934 per gli allievi della School of American Ballet, appena fondata con Lincoln Kirstein e Edward M. M. Warburg a distanza di pochissimi mesi dall’arrivo negli Stati Uniti. Il titolo si ispira all’omonima composizione di Čajkovskij Serenata in do maggiore per orchestra d’archi, op. 48. Balanchine inverte l’ordine dei movimenti: il terzo, Elegia, conclude il balletto, infondendovi una vena malinconica. Gli altri sono: Pezzo in forma di Sonatina: Andante non troppo; Walzer; Tema Russo: Andante, Allegro con spirito. L’intera coreografia, che costituisce uno degli esempi più alti del neoclassicismo di Balanchine, vede 28 ballerini in costumi celesti danzare di fronte ad una scena anch’essa azzurra. Come scriveva lo stesso Balanchine in Complete Stories of the Great Ballets: “Per Serenade molti pensano che ci sia una storia nascosta nel balletto. Non c’è. Sono semplicemente danzatori in movimento su un bel pezzo di musica. L’unica storia è la storia della musica, una serenata, una danza, se si preferisce, al chiaro di luna”. Segue un omaggio a Roland Petit con l’esecuzione di Gymnopédie, creato dal celebre coreografo francese per il balletto Nazionale di Marsiglia sugli omonimi tre pezzi per pianoforte di Erik Satie. Gymnopédie nacque inizialmente per Ma Pavlova, del 1986, e venne poi sviluppato per Tout Satie, spettacolo – o dance concert, come lo chiamava Petit – in un solo atto del 1988.

Come nota Francesca Pedroni, il balletto “scherzoso e seducente, ha la sua parte principale nel passo a due, un cammeo che vuole ballerini pronti a entrare nel gioco della coppia. Tutù bianco e lunghi guanti neri per lei, canottiera e calzamaglia per lui: un piccolo gioiello sulle punte che strizza l’occhio con ironia e tecnica alle silfidi romantiche e alle figure dei poeti”.

Si chiude con Balanchine e il suo Who Cares? un intramontabile titolo del coreografo russo ideato nel 1970 per il New York City Ballet su 16 brani composti da George Gershwin fra il 1924 e il 1931. Il balletto, spumeggiante e vivace pur nel rigore tecnico del tessuto classico-accademico, restituisce la dinamica vita di Manhattan evocata nei brani di Gershwin. Balanchine aveva incontrato il musicista alla fine degli anni Trenta; per lui avrebbe dovuto musicare il film Goldwin Follies ma il progetto, purtroppo, non andò in porto.  Balanchine ricevette in dono da Gershwin degli spartiti di alcuni suoi brani. Nel 1970 il maestro russo li ritrova e le musiche frizzanti gli ispirano un balletto altrettanto brioso. A rimontarlo per la Scuola di Ballo è stato John Clifford, già étoile del New York City Ballet di Balanchine, oggi direttore del Los Angeles Dance Theatre.

La Scuola di Ballo rappresenta il cardine del Dipartimento Danza, uno dei quattro dipartimenti in cui si articola l’ampia offerta formativa dell’Accademia Teatro alla Scala, presieduta da Pier Andrea Chevallard e diretta da Luisa Vinci: Musica, Danza, Palcoscenico-Laboratori, Management. Il Dipartimento, sotto la direzione di Frédéric Olivieri, propone anche corsi per insegnanti di danza e corsi di propedeutica destinati a bambini fra i 6 e i 10 anni a cui si affiancano diversi seminari, nonché stage e campus estivi. La Scuola è divenuta un punto di riferimento non solo per il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, ma anche per le più importanti compagnie – in Italia e all’estero -, grazie alla preparazione dei ballerini che, forti di un diploma dalla duplice specializzazione in danza classico-accademica e moderno-contemporanea, padroneggiano un repertorio sempre più ampio e diversificato. Ciò è possibile poiché gli allievi hanno l’opportunità di affiancare alle lezioni degli autorevoli maestri scaligeri masterclass di coreografi e danzatori di fama internazionale e di interpretare alcune delle più note coreografie della danza contemporanea, come le creazioni di George Balanchine, Maurice Béjart, Mats Ek, William Forsythe, Jiří Kylián, José Limón, Angelin Preljocaj, Roland Petit, che eccezionalmente vengono concesse alla scuola.

Crediti fotografici di Alessia Santambrogio

Martedì 11 Novembre alle ore 12:30 presso l’AULA D – Palazzo Maldura in via Beato Pellegrino 1, Incontro aperto al pubblico e agli studenti con il Maestro Frédéric Olivieri, Direttore della Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala.

Conduce la Dott.ssa Stefania ONESTI, Università degli Studi di Padova.

BIGLIETTI (diritto di prevendita del 15% arrotondato per eccesso)
Prima Platea:  35 euro
Ridotto ragazzi bambini 7-10 anni: 10 euro           

Seconda Platea: 30 euro
Ridotto ragazzi bambini 7-10 anni: 10 euro
Poltrona 1° Livello: 25 euro
Ridotto ragazzi bambini 7-10 anni: 10 euro
Poltrona 2° Livello: 20 euro
Ridotto ragazzi bambini 7-10 anni: 10 euro
PUNTI VENDITA
- punti vendita del Triveneto Circuito FAST TICKETS e Circuito BANCHE UNICREDIT

- prevendita online con circuito ZED www.zedlive.com/biglietti
- prevendita presso il terzo piano COIN, via Altinate, 16 Padova
Per tutti gli studenti universitari (su esibizione del badge universitario):
10 euro POSTO UNICO (Fino ad un max di 100 posti). È obbligatoria  la prenotazione via mail a festivalsferadanza@gmail.com allegando copia del badge universitario